Ginkgo Biloba: la saggezza dello “Yin Kuo”

Il Ginkgo Biloba è una pianta originaria dell’Asia, Il cui nome deriva dal cinese “Yin Kuo” che significa albicocca d’argento.
È un albero dalle origini antichissime, considerato estinto per lungo tempo ma ricomparso nel XVIII secolo. Per i suoi natali preistorici (250 milioni di anni fa) viene considerato l’albero più vecchio della terra.

Coltivato per millenni dai monaci buddhisti cinesi, che lo ritengono una pianta sacra per le sue proprietà terapeutiche, viene impiegato per favorire la circolazione e l’ossigenazione del sangue prevenendo trombosi, emboli, claudicato intermittens e disfunzioni erettili.

Il Ginkgo ha effetti benefici verso disturbi di memoria a breve termine e funzioni cognitive, riequilibra l’umore e aiuta a raggiungere stati di chiarezza mentale.
La tradizione buddhista insegna che meditare sotto la chioma del Ginkgo Biloba aumenti la concentrazione, la resistenza mentale e allontani le distrazioni.

Ricco di antiossidanti come flavonoidi e terpeni, combatte i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento delle cellule e allevia gli stati allergici e infiammatori.

Ogni autunno, il bellissimo esemplare di Ginkgo Biloba che ospitiamo in Tenuta, si tinge di un intenso color giallo-ocra e migliaia di foglie disegnano un tappeto dorato ai suoi piedi.